Attento discernimento

Attento discernimento

Martedì XII Settimana Tempo Ordinario
2Re 19,9-11.14-21.31-35.36     Sal 47     Mt 7,6.12-14

Vedere, giudicare e agire, parole fondamentali per la vita morale di ogni cristiano: davanti a un fatto, a una parola non possiamo rimanere neutrali o indifferenti! Con prudenza e discernimento, siamo costantemente chiamati a decidere, a scegliere.
La porta del Regno dei Cieli è stretta, ma sempre aperta, e richiede fede e disponibilità. La porta stretta ci impone di “alleggerirci” per poter comprendere ciò che è bene scegliere e poter vivere la regola d’oro: “Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro”. Sembrerebbe una contraddizione, ma è sulla via della povertà e della riflessione profonda, e solo dimenticandoci di noi stessi, che potremmo capire ciò che è davvero Buono per la nostra vita. Il passo decisivo è quello di donare agli altri questa bontà che abbiamo scoperto, come dono gratuito. Le relazioni potranno divenire così scambio reciproco del vero Bene! Chiara Lubich ha parlato ai giovani con passione di questo versetto che, nel contenuto, è proclamato in tutte le grandi religioni … è davvero la regola d’oro!

Non lasciamo cadere ciò che è prezioso e che ci da vita; riconosciamo il Bene e restituiamo all’Altissimo tutto di noi.

Dal Testamento di Santa Chiara [FF 2850] Ma poiché stretta è la via e il sentiero, ed angusta la porta per la quale ci si incammina e si entra nella vita, pochi son quelli che la percorrono e vi entrano; e se pure vi sono di quelli che per un poco di tempo vi camminano, pochissimi perseverano in essa. Beati però quelli cui è concesso di camminare per questa via e di perseverarvi fino alla fine!