Le “storie” che ci fanno crescere

Le “storie” che ci fanno crescere

Giovedì XVI Settimana del Tempo Ordinario
Ger 2, 1-3.7-8.12-13      Sal 35   Mt 13,10-17
Santi Gioacchino ed Anna

Quante verità Gesù ci spiega attraverso le parabole! Sono storie che riguardano altre persone, tuttavia parlano del e al nostro cuore, se siamo disponibili a capire e a cambiare. Altrimenti rimangono storie enigmatiche. Sono verità che i discepoli comprendono pian piano, dopo aver chiesto spiegazioni a Gesù, quasi sempre in contesti di profonda intimità con lui: ”…Ma in provato, ai suoi discepoli, spiegava ogni cosa” (Mc 4, 34). Anche noi abbiamo bisogno di capire, di chiedere spiegazioni al Signore: cerchiamo sempre il dialogo confidente e sincero con lui, e conosceremo i misteri del regno! La Parola porta frutto in chi ascolta con cuore umile, in chi vuole mettersi in gioco totalmente. Il Signore Gesù usa questo linguaggio delicato ed efficace: misterioso per chi si allontana da lui, ma chiaro e illuminante per chi si fa vicino.
Gesù gioisce per coloro a cui è dato di conoscere i misteri del regno: sono i piccoli, quelli che spalancano il cuore alla Parola, come fa un bambino alla voce del papà. A questi, che già hanno molto, perché prediletti dal Padre, verrà dato ancora di più e saranno nell’abbondanza.

 

Insegnaci, Padre buono, ad accogliere le parole del Figlio tuo, e ad aprire il cuore, come i piccoli, alla gioia del Vangelo.

 

Dalla Leggenda maggiore di San Bonaventura [FF 1328] In verità questo mistero grande e mirabile della croce, nel quale i carismi della grazia, i meriti delle virtù, i tesori della sapienza e della scienza sono nascosti così profondamente da risultare incomprensibili ai sapienti e ai prudenti di questo mondo, fu svelato a questo piccolo di Cristo in tutta la sua pienezza.

 

La Parola del giorno