Accogliere la pienezza

Accogliere la pienezza

Giovedì XVII Settimana del Tempo Ordinario
Ger 18,1-6   Sal 145   Mt 13,47-53
Festa del Perdono di Assisi

Sono diverse le immagini che Gesù usa per aiutarci a entrare nel mistero del Regno, che è il mistero dell’amore di Dio per noi. Sempre le parabole del Regno parlano di un Dio che non è lontano, ma che si fa così vicino da mescolarsi fra di noi, perché tutta la nostra umanità si lasci trasformare dal Suo amore concreto e buono. È l’accogliere la Sua presenza in mezzo a noi che ci fa crescere, portare frutto, giungere a pienezza, come per la rete del vangelo di oggi che vien tirata a riva solo “quando è piena”. E perché ciò si realizzi da un lato occorre anche da parte nostra una certa dose di lavoro, un impegno, una fatica, insieme però a un tempo di attesa e di ricerca e di fiducioso abbandono. Solo Dio infatti conosce i modi e i tempi, perché è in tempi diversi che si attua la salvezza: c’è infatti un tempo in cui bene e male, fuori e dentro di noi, coesistono vicini, e a volte il male sembra vincere sul bene. Ma poi c’è un tempo in cui essi sono definitivamente separati e il male è gettato via perché il bene porti il suo frutto in pienezza.

Beato chi ha per aiuto il Signore, che rimane fedele per sempre.

 

Dalla Regola non bollata [FF 71] Nient’altro dunque dobbiamo desiderare, nient’altro volere, nient’altro ci piaccia o ci diletti, se non il Creatore e Redentore e Salvatore nostro, solo vero Dio, il quale è il bene pieno, ogni bene, tutto il bene, vero e sommo bene, che solo è buono, pio, mite, soave e dolce, che solo è santo, giusto, vero e retto, che solo è benigno, innocente, puro, dal quale e per il quale e nel quale è ogni perdono, ogni grazia, ogni gloria di tutti i penitenti, di tutti i giusti, di tutti i beati che godono insieme nei cieli.

 

La Parola del giorno