Essere casa

Essere casa

Venerdì III Settimana di Pasqua
At 9,1-20         Sal 116        Gv 6,52-59

Rimanere in Lui e Lui in noi, e vivere per Lui … L’Eucarestia è il modo con cui il Signore ci dice che possiamo vivere in comunione, è il modo con cui desidera riscattarci dalla solitudine e farci vivere nella fraternità.
Questa comunione piena, espressa con la Parola rimanere/dimorare, permette di dire una delle definizioni più belle dell’amore: l’altro è la casa mia e io sono casa per l’altro.
E noi, dove stiamo di casa? Stiamo dove amiamo, e la presenza reale è quando siamo attenti all’altro, quando siamo di casa con chi ci sta a cuore! Infatti, tutta la vita si organizza su ciò che ci sta a cuore. Con l’Eucaristia abbiamo l’unica possibilità di vivere su questa terra umanamente, cioè vivere da figli e da fratelli; tutto ha il significato di uscire da noi stessi! Vita, questa, che ci apre già ora alla Resurrezione.

Signore, come sono amabili le tue dimore!

Dalla Regola non bollata [FF 61]
E sempre costruiamo in noi una casa e una dimora permanente a Lui, che è il Signore Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo.

LA PAROLA DEL GIORNO


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *