Relazione che salva

Relazione che salva

Giovedì, I Settimana del Tempo Ordinario
1Sam 4,1-11    Sal 43   Mc 1,40-45

La lebbra è una malattia che colpisce le funzioni vitali e anche relazionali dell’uomo. Il corpo della persona prova dolore, si lacera e la relazione con gli altri si interrompe per non contagiarli. Ma, nell’ottica della fede, Dio non abbandona l’uomo, la relazione con Lui è sopra tutte le fatiche, tutte le difficoltà, tutti gli isolamenti. È una relazione che salva, che supera tutte le relazioni. Si entra nella grazia di Dio che si china sul nostro dolore e tocca le nostre ferite, sanandole alla radice: affidiamole al Signore.

Salvaci, Signore, per la tua misericordia (Sal 43).

Da Lettera e tutto l’Ordine [FF 233] Onnipotente, eterno, giusto e misericordioso Iddio, concedi a noi miseri di fare, per tuo amore, ciò che sappiamo che tu vuoi, e di volere sempre ciò che a te piace, affinché, interiormente purificati, interiormente illuminati e accesi dal fuoco dello Spirito Santo, possiamo seguire le orme del tuo Figlio diletto, il Signore nostro Gesù Cristo, e con l’aiuto della tua sola grazia giungere a te, o Altissimo, che nella Trinità perfetta e nell’Unità semplice vivi e regni e sei glorificato, Dio onnipotente per tutti i secoli dei secoli. Amen.

La Parola del Giorno