È proprio Lui!

È proprio Lui!

Venerdì fra l’Ottava di Pasqua
At 4,1-12      Sal 117     Gv 21,1-14

Gli apostoli sono tornati al loro lavoro di sempre, come se l’evento della morte e Resurrezione di Gesù non avesse cambiato le loro vite.
Ma il Signore risorto appare loro dando l’aiuto necessario perché questo mistero sia accolto nella verità, in profondità e con fede. Gesù si manifesta ai suoi in modo nuovo, tanto che non lo riconoscono. Ora è la Sua Parola feconda e l’invito a condividere comunitariamente il pane che lo fanno riconoscere ai loro occhi! Solo il discepolo amato e Pietro riescono a reagire esplicitamente davanti al Signore. Gli altri, invece, partecipano in silenzio, senza fare domande, quasi volendo custodire questo incontro. Insieme vivono Parole e gesti che risvegliano e confermano nel cuore e nella mente l’esperienza profonda fatta con il Signore! Stupiamoci, contempliamo, partecipiamo e custodiamo ogni Parola e gesto di condivisione che lo rendono presente nella nostra vita, per poter proclamare: è proprio Lui!

Signore Gesù, grazie perché ti manifesti e ti doni continuamente a noi e al mondo intero.

Dalle Ammonizioni [FF 144-145]
Ecco ogni giorno egli si umilia, come quando dalla sede regale discese nel grembo della Vergine; ogni giorno egli stesso viene a noi in apparenza umile; ogni giorno discende dal seno del Padre sull’altare nelle mani del sacerdote. E come ai santi apostoli si mostrò nella vera carne, così anche ora si mostra a noi nel pane consacrato.

La Parola del Giorno