“Abbiamo visto cose prodigiose”

"Abbiamo visto cose prodigiose"

Lunedì II Settimana di Avvento
Is 35,1-10       Sal 84      Lc 5,17-26

Il Vangelo di oggi termina con l’esclamazione della folla, stupita e piena di timore, che dice: “Oggi abbiamo visto cose prodigiose”. Gli occhi di quegli uomini hanno visto compiersi le antiche profezie, quelle che annunciavano la venuta del Messia con immagini eccezionali e straordinarie, come nel libro del profeta Isaia.
Ecco che, seguendo Gesù e guardando il suo agire, gli uomini vedono cose prodigiose. Gesù infatti non solo opera guarigioni del corpo, ma, attraverso di esse, dà la prova di avere il potere sul male e sul peccato. La liberazione portata da Gesù è piena, compiuta. Davvero con Lui è giunta a noi la salvezza, il tempo in cui cantare “con gioia e giubilo”.
Apriamo gli occhi del nostro cuore, perché possiamo anche noi contemplare e vedere le cose prodigiose che il Signore, anche oggi, compie in mezzo a noi.

Ascoltate, o popoli, la voce del Signore: verrà il nostro Salvatore, non abbiate timore

Dall’Orazione sul Padre Nostro [FF 268]

Si faccia luminosa in noi la conoscenza di te, perché possiamo conoscere qual è l’ampiezza dei tuoi benefici, l’estensione delle tue promesse, la sublimità della tua maestà e la profondità dei tuoi giudizi.