Dio in noi

Dio in noi

Lunedì I Settimana di Quaresima
Lv 19,1-2.11-18   Sal 18   Mt 25,31-46

“Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi più piccoli, l’avete fatto a me”. Ecco la buona notizia del Vangelo di oggi: è possibile amare Dio, concretamente, amando il fratello. Con la sua incarnazione Gesù si è fatto uno con l’uomo più solo, più bisognoso, più povero. Così il volto dell’altro è il “luogo” in cui ciascuno di noi, credente o no, incontra il volto di Gesù.
Questa verità non è evidente, tanto che nel giudizio finale, non solo i maledetti ma neanche i giusti mostrano di non essersene resi conto.
Tuttavia è una verità semplice, che per questo ci scomoda, perché ci dice che l’essere santi come il Signore è santo, in fondo, è alla nostra portata, perché per grazia il Signore ci offre l’occasione e l’opportunità. Negli ultimi, come Gesù ci ha detto, serviamo o ignoriamo Dio stesso, in loro incontriamo o rifiutiamo Lui.

Donaci la grazia di morire a noi stessi, per amare i fratelli ed essere santi, Signore, come tu sei santo

Dalla Leggenda maggiore di san Bonaventura [FF 1035]
Mentre prima aborriva non solo la compagnia dei lebbrosi, ma perfino il vederli da lontano, ora, a motivo di Cristo crocifisso che, secondo le parole del profeta, ha assunto l’aspetto spregevole di un lebbroso, nell’intento di raggiungere il pieno disprezzo di se stesso, offriva ai lebbrosi i servigi dell’umiltà e dell’umanità insieme con i benefici della pietà.

La Parola del Giorno