Amore sempre nuovo

Amore sempre nuovo

Sabato XIII Settimana del Tempo Ordinario
Am 9,11-15      Sal 84       Mt 9,14-17

I giudei e i discepoli di Giovanni digiunavano “molte volte”. La Legge in realtà prevedeva un solo giorno di digiuno durante l’anno, per la festa dello jom kippur. Evidentemente c’era in loro un desiderio di pienezza e di novità. Gesù viene a portare questa novità insegnando la vita in pienezza non si conquista con l’obbedienza perfetta a una legge, ma si accoglie nella relazione con Lui, che sempre e nuovamente viene, per portare la gioia dello Sposo.
Ogni giorno porta con sé digiuni e occasioni di gioia, motivi per chiedere perdono e inviti a un amore più pieno. E ogni giorno il Signore viene e desidera venire a portare la novità del suo amore che ci perdona, e a renderci sempre più capaci di amare, se lo vogliamo e umilmente ci lasciamo rinnovare.

Allarga il nostro cuore Signore, perché sappiamo accogliere e vivere la novità che Tu ci doni.

Dalla Leggenda dei Tre Compagni [FF 1402] Terminato il banchetto, uscirono da casa… Gli amici lo precedevano tutti insieme, cantando per la città; [Francesco] camminava poco dietro di loro, ma invece di cantare era assorto nelle sue meditazioni. D’improvviso il Signore lo visitò e il suo cuore fu colmo di tanta dolcezza, che non poteva muoversi né parlare e non riusciva a sentire o percepire se non quella soavità che lo aveva estraniato da ogni sensazione fisica, tanto che (come poi ebbe a confidare lui stesso) non avrebbe potuto muoversi da quel posto anche se lo avessero fatto a pezzi. I suoi amici, voltandosi e scorgendolo rimasto così lontano, tornarono da lui e restarono trasecolati nel vederlo mutato quasi in un altro uomo.

La Parola del Giorno