Fino a dove vedi?

Fino a dove vedi?

Martedì II Settimana di Pasqua
At 4,32-37   Sal 92   Gv 3,7-15

Credere fa vedere oltre quello che il conoscere illumina. Ce lo dice Nicodemo: un uomo onesto, intelligente e colto, conosce bene le Scritture, eppure non capisce. È anche un uomo che ha conquistato una posizione sociale importante, potremmo dire un uomo “arrivato”. Eppure è anche profondamente inquieto. Ha dentro delle domande a cui non trova risposta, non è appagato da quanto ha già ottenuto dalla vita. Per questo va da Gesù, vuole vedere di più e, in qualche modo, comprende che ha bisogno di aiuto per questo.
Gesù glielo dice con una certa ironia: sei maestro e non capisci cosa voglia dire nascere dall’alto?
Gli parla a modo suo, sempre rispettoso, ma mai banale: proprio come fa il vento che soffia dove vuole, immagine dell’opera creatrice di Dio che allarga le nostre visuali e attese, che ci fa nuove creature.  Gesù infatti lo prepara alla novità, a quell’unica novità capace di cambiare la vita, ovvero “l’innalzamento del Figlio”. È da questa prospettiva che noi, come Nicodemo, possiamo trovare le risposte alle nostre domande più vere e imparare a “vedere oltre”. Questo viene chiesto a Nicodemo, e a noi oggi: accogliere la testimonianza di Gesù ed entrare in relazione con lui, con i suoi fatti, con il fatto: Dio ama tanto il mondo da dare il suo figlio.

Spirito Santo, aiutaci a discernere tra ciò che è vero, perché nasce dall’amore e testimonia l’amore e la gioia, e ciò che è falso, che chiude, restringe la vita personale, rattrista e crea divisioni.

Dalla Vita seconda di Tommaso da Celano [FF 692] È bene leggere le testimonianze della Scrittura, ed è bene cercare in esse il Signore nostro Dio. Ma, per quanto mi riguarda, mi sono già preso tanto dalle Scritture, da essere più che sufficiente alla mia meditazione e riflessione. Non ho bisogno di più, figlio: conosco Cristo povero e Crocifisso.

La Parola del Giorno