A quest’ultimo quanto a te

A quest’ultimo quanto a te

Mercoledì XX Settimana del Tempo Ordinario
Gdc 9,6-15 Sal 20 Mt 20,1-16

Quante volte ci ritroviamo scontenti come gli operai della prima ora, tutti intenti a calcolare e confrontare, pretendere e misurare, con un cuore veramente piccolo. Ma la giustizia del Vangelo non è retribuzione, non è calcolo né interesse. È misericordia “ingiustamente” sovrabbondante, che si ostina a non lasciare indietro nessuno. Noi non lo capiamo, fino a quando i beneficiari di questa ingiusta giustizia siamo proprio noi. Allora ne capiamo la portata e ne gustiamo la bellezza. Allora gioiamo che Dio sia fatto proprio così. Perché sentiamo rivolta a noi stessi questa bontà immeritata, a sorpresa, fuori misura. È la giustizia… in perdita, esercitata da chi ama senza condizioni, come fa il Padre.

Donaci Signore di saper gioire della tua infinita misericordia, come destinatari del tuo amore gratuito, immeritato e sovrabbondante.

Dalla Regola di Santa Chiara [FF 2811] E quelle che non sanno di lettere, non si curino di apprenderle, ma attendano a ciò che soprattutto debbono desiderare: avere lo Spirito del Signore e la sua santa operazione, a pregarlo sempre con cuore puro e ad avere umiltà, pazienza nella tribolazione e nella infermità, e ad amare quelli che ci perseguitano, riprendono e accusano, perché dice il Signore: “Beati quelli che soffrono persecuzione a causa della giustizia, poiché di essi è il regno dei cieli.

La Parola del Giorno