Signore, se vuoi

Signore, se vuoi

Giovedì I settimana del Tempo Ordinario
Eb 3,7-14 Sal 94 Mc 1,40-45

Il vangelo oggi ci dona una preghiera molto bella: Signore, se vuoi. Quanta fede e quanta umiltà in queste parole. Infatti Gesù prova compassione, lui che ascolta sempre gli umili e fa grazia a chi lo cerca con cuore sincero.
Ci incoraggia allora quest’uomo lebbroso, lo benediciamo perché ci dice di non temere le nostre oscurità, le nostre solitudini e ci invita ad affidare tutto umilmente alla potenza del Signore e alla sua ferma volontà di guarire.
È una persona anche disobbediente questo lebbroso guarito: Gesù lo ha sanato e gli ha parlato, ma lui non fa quello che la persona più significativa per la sua vita gli ha chiesto. Questo rende ancora più umano questo incontro e ci sollecita, ancora, ad avere fede in Gesù.

Abbi pietà di noi Signore Gesù e, se vuoi, guarisci ciò che isola dagli altri, ci rende persone non incontrabili nella pace.
Fa’ che la tua presenza sia per tutti noi balsamo di salvezza e fonte di gioia.

Dalla terza lettera di Santa Chiara ad Agnese [FF 2889]Ama con tutta te stessa colui che tutto si è donato per amore tuo.

La Parola del giorno