Non c’è l’una senza l’altra

Non c’è l’una senza l’altra

Lunedì VII Settimana del Tempo Ordinario
Sir 1,1-10 (NV) [gr. 1,1-10ab] Sal 92 Mc 9,14-29 

Scendendo dal monte, dopo la Trasfigurazione, Gesù si ritrova a confrontarsi con l’incredulità dei suoi discepoli, del padre del fanciullo epilettico e dei presenti. Per scacciare il male sono necessarie la fede e la preghiera. Fede e preghiera non possono separarsi mai. Senza preghiera la fede perde la relazione con il Signore, e al centro mettiamo noi stessi e le nostre forze. Senza fede, la preghiera si trasforma in superstizione o in un rifugio intimistico. Fede è consegnarsi al Signore nella preghiera, chiedere aiuto con fiducia riconoscendo la propria fragilità, sapendo che tutto è possibile a Dio. Preghiera è aprire il cuore e stare alla presenza del Signore in umiltà, chiedendo a Lui senza pretese ciò di cui davvero abbiamo bisogno, sapendo che sempre la Sua è una volontà di bene.

«Credo Signore, aiuta la mia incredulità!».

Dalle Laudi e Preghiere [FF 276]

O alto e glorioso Dio,
illumina le tenebre de lo core mio,
e damme fede diritta,
speranza certa e caritade perfetta,
senno e cognoscimento, Signore,
che io faccia lo tuo santo e verace comandamento.
Amen.